Donetsk è Caduta…. in Mano ai Filo Russi

Putin Ucraina Crimea Guerra Turchia GeoPolitica
Putin Ucraina Crimea Guerra Turchia GeoPolitica

Riporto un “sobrio” articolo di Dagospia su quanto sta accadendo in Russia: in sintesi aerei Ucraini svolazzano per
il cielo dell’est e alcuni blindati Ucraini si spostano fra un provincia e l’altra (e li le distanze sono in migliaia di km.), qualche scarmuccia con morti e…..

Filo russi che hanno sequestrato blindati Ucraini… Insomma, la partita per Kiev sembra già persa.

________________________________________________________________________________________________________

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’Autore, FunnyKing – che ringraziamo – e non necessariamente
rappresenta l’opinione di Zen-Trader.com. Siamo lieti di ospitare i contenuti dei 
migliori Blogger indipendenti di
Finanza, Economia, Politica e Geopolitica: tutto quanto può impattare sui nostri risparmi e sulle nostre vite.

________________________________________________________________________________________________________

1. “SPARARE PER UCCIDERE”: I GRUPPI ARMATI FILORUSSI PRENDONO IL CONTROLLO DI DONETSK
ANSA

Blindati ucraini sono comparsi nelle strade di Kramatorsk, nella regione orientale ucraina di Donetsk. Lo riferisce il giornale locale on line ‘Novosti Kramatorska’ (Le notizie di Kramatorsk). Alcuni abitanti tentano di ostacolare il passaggio dei mezzi. Sono circa 300 i militari ucraini arrivati. Per ora non sono segnalati scontri.

Alcuni blindati hanno issato la bandiera russa. Sono diretti a Sloviansk, nella regione ucraina orientale di Donetsk. Secondo il giornale online ucraino Ostrov, i tank sarebbero stati sottratti all’esercito ucraino da filorussi in mimetica armati, sopraggiunti dopo che i mezzi erano stati bloccati da attivisti locali con il nastro arancio-nero di San Giorgio, simbolo della vittoria sovietica sui nazisti. Mentre secondo Ria Novosti e Rossia 24, sarebbero stati gli equipaggi di sei blindati ucraini a Kramatorsk a passare con i filorussi, dopo che residenti li avevano fermati
dicendo loro di non essere ”terroristi” e di non sparare contro i propri concittadini.

A Kramatorsk, i filorussi mantengono il controllo del municipio, del commissariato e della sede locale dei servizi segreti. Intanto, il vicepremier ucraino Vitali Iarema, responsabile per le forze dell’ordine, ha denunciato la presenza a Sloviansk e Kramatorsk, di paracadutisti del 45/mo reggimento delle truppe aviotrasportate russe di stanza vicino a Mosca. “Quindi tutte le parole di Putin e di Lavrov sull’assenza di truppe russe li’ sono tutte bugie”, ha commentato, citato dall’agenzia ucraina Unian.

Uomini armati di mitra e fucili hanno occupato il municipio di Donetsk, capoluogo dell’omonima regione dell’Ucraina orientale. Lo riferisce il giornale on line Ostrov. Obiettivo del blitz, hanno spiegato, ottenere un
referendum sullo status della regione. La polizia ha abbandonato l’edificio.

Premier Ucraina, Russia costruisce nuovo muro Berlino
“I nostri vicini russi hanno deciso di costruire un nuovo muro di Berlino e vogliono tornare ai tempi della guerra fredda”: lo ha detto il premier ucraino
Arseni Iatseniuk durante una riunione del governo. Lo riferisce l’agenzia ucraina Unian.

Putin a Merkel: l’Ucraina è “sull’orlo della guerra civile”
Ieri sera, Vladimir Putin nella telefonata avuta con Angela Merkel, ha detto l’Ucraina è “sull’orlo della guerra civile”. Putin – ha precisato il Cremlino – “ha rimarcato che la brutale escalation del conflitto” imputata al blitz militare di Kiev nell’est russofono “ha portato il Paese sull’orlo della guerra civile”.

Putin ha comunque convenuto con la cancelliera tedesca (in vacanza in questi giorni a Ischia) nel “sottolineare l’importanza” dell’incontro a 4 Russia-Usa-Ue-Ucraina in programma a Ginevra. Iniziativa che il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov aveva messo in dubbio dopo le prime notizie sull’azione militare di Kiev nell’est, ma da cui Mosca non si e’ poi ritirata.

Anche il premier russo Dmitri Medvedev ieri aveva detto che l’Ucraina è vicina alla guerra civile sullo sfondo del blitz lanciato da Kiev nell’est russofono del Paese. Un blitz che Mosca condanna e che Washington invece nella sostanza giustifica, pur ammettendo – per bocca del portavoce della Casa Bianca – che la situazione si va facendo
di ora in ora più “pericolosa”.

La crisi ucraina ha avuto ieri un’accelerazione molto temuta, forse inevitabile: incalzata dai nazionalisti di Maidan, che chiedevano risposte forti, Kiev ha deciso di far scattare quella che viene sbandierata come “operazione antiterrorismo”, usando l’esercito contro gli insorti filorussi che hanno occupato vari palazzi del potere in una decina di citta’ nell’est del Paese. Secondo i media russi, l’attacco ha lasciato sul terreno dai quattro agli 11 morti, oltre ad alcuni feriti: sarebbero tutti fra gli animatori della protesta.

2. HA VINTO PUTIN
Superbonus per Dagospia

Forza Putin! Prenditi l’Ucraina, vendi il tuo gas alla Cina e fai inginocchiare ai tuoi piedi i leader occidentali, a cominciare da quelli della vecchia Europa.

E’ questo che si meritano le famose democrazie occidentali che hanno chiuso un occhio sulla falsa democrazia
russa e sulla dittatura oligarchica cinese. Le multinazionali, energetiche e non, hanno ridotto la politica estera dell’Occidente a quella dei compratori di tappeti che pur di acquistare e piazzare la propria merce fanno affari
con tutti e a tutti i costi.

Per decenni abbiamo ignorato l’assenza dei diritti umani in Cina e la finta democrazia del Partito Comunista dagli occhi a mandorla, che non permette ai suoi cittadini neppure di ricercare il significato della parola “libertà” su Google. Per anni abbiamo fatto finta di non vedere l’assenza della libertà di stampa in Russia, gli omicidi di stato,
i dissidenti imprigionati, i capitali e le aziende confiscate agli oppositori.

La politica ha lasciato il campo agli affari e nessuno si è più interessato dei valori democratici e dei diritti civili. Persino Emma Bonino, alla fine, si è girata dall’altra parte per non vedere la deportazione di moglie e figlia di un dissidente kazako. E il ministro degli Interni, Angiolino Alfano, ha cooperato con la polizia di Astana in nome del quieto vivere sul fronte energetico.

Gli Usa, la Germania e l’Inghilterra hanno ignorato gli appelli che venivano da tutte le organizzazioni che si battono per la democrazia nel mondo. “Business is business”, si rispondeva a mezza bocca. E ora perché mai Putin non dovrebbe prendersi tutta l’Ucraina? Perché mai dovrebbe aver paura di pallidi leader occidentali che sanno solo “condannare” a parole?

carriarmati nella citta 321950 tn Donestsk è Caduta.... in Mano ai Filo Russi

CARRIARMATI NELLA CITTA DI SLAVIANSK IN UCRAINA IN MANO AI FILORUSSI

Sulla Siria non ha forse avuto ragione lui lo zio Vlad, imponendo la permanenza del regime di Assad? A questo
punto forza Putin, facci sognare. Colpisci al cuore i principi occidentali e fai entrare i carri armati a Kiev. Nessuno
si opporrà, le Borse crolleranno ma solo per un poco, il dollaro salirà ma poi tutto si normalizzerà.

carriarmati filorussi ucraina 321949 tn Donestsk è Caduta.... in Mano ai Filo Russi

CARRIARMATI DI FILORUSSI IN UCRAINA

L’Occidente è morto e con esso i suoi valori. Il denaro ha comprato i Governi e le coscienze e tu, caro Putin, lo hai capito prima di tutti. La tua Gazprom ha amicizie a destra e sinistra, ha emissari influenti e manovra nell’ombra i nostri politici.

La Cina non aspetta altro per capire in quale stato comatoso versa il blocco occidentale. Una volta che la Russia
avrà dimostrato che è possibile riderci in faccia a tutti quanti, anche Pechino prenderà le giuste misure e inizierà a rivendicare con maggior forza le isole giapponesi e Taiwan. Alla fine magari si accontenterà “soltanto” di svalutare la propria valuta (lo yuan) e quella sarà la vera ultima bomba atomica su un Occidente che volge rapidamente verso il tramonto.

.

Commenta l’articolo su Rischio Calcolato

.