Gold Club: Il Punto è che NOI siamo di Meno, e Loro sono di Più

Dodici ragioni per cui l’Oro rimbalzerà e farà segnare nuovi record nel 2014.
Dodici ragioni per cui l’Oro rimbalzerà e farà segnare nuovi record nel 2014.

Interessante Articolo che confronta la domanda di Oro dell’Occidente con quella di India e Cina, arrivando ad una particolare conclusione.

________________________________________________________________________________________________________

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’Autore, FunnyKing – che ringraziamo – e non necessariamente
rappresenta l’opinione di Zen-Trader.com. Siamo lieti di ospitare i contenuti dei 
migliori Blogger indipendenti di
Finanza, Economia, Politica e Geopolitica: tutto quanto può impattare sui nostri risparmi e sulle nostre vite.

________________________________________________________________________________________________________

CK6aONG 650x397 Gold Club: Il Punto è che NOI siamo di Meno, e Loro sono di Più (e quindi hanno ragione)

da WSI

NEW YORK (WSI) – Continua il boom della domanda di oro in Cina, che è ormai salita su livelli inimmaginabili.

Tanto che gli istituti centrali occidentali non sanno più cosa fare per contrastare tale voracità, le cui implicazioni sono molteplici.

Per esempio le banche centrali si sono viste costrette a far scendere il prezzo del metallo prezioso ad aprile dell’anno scorso.

Una volta esplosa la domanda cinese gli istituti centrali si sono trovati davanti a un bivio: danneggiare le banche o
le valute.

La Fed vuole mantenere basso il più a lungo possibile il valore dell’oro, ma i suoi tentativi saranno vani, secondo Alasdir Macleod, head of research di GoldMoney.

In Asia, spiega il ricercatore ed economista, la gente pensa in modo diverso. Per loro l’oro è l’unico asset a lungo termine che vale la pena possedere. È il fondo pensione delle famiglie. In particolare in India e in Cina, che insieme agli altri Stati dell’Asia sudorientale contano una popolazione superiore a quella del resto del mondo (vedi grafico sopra).

Che l’Occidente si sbagli o abbia ragione non importa. Il punto è che ci sono 4,5 miliardi di persone in Asia che hanno un modo all’antica di vedere l’oro e sono diventati abbastanza benestanti negli ultimi 20 anni da poter influenzare i prezzi e il futuro dei mercati.

America del Nord e Europa occidentale insieme contano per meno di un miliardo di teste, ovvero meno di un quarto dell’Asia sudorientale. “Non è una questione di economia austriaca o keynesiana: siamo semplicemente
in minoranza”. Il loro approccio e i loro investimenti “contano più dei nostri”, chiosa Macleod.

.

Commenta l’articolo su Rischio Calcolato

.