Verso la Bancarotta: Il Panic Selling Immobiliare è Già cominciato

Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni (Avanti così, Verso la Bancarotta).
Enrico Letta e Fabrizio Saccomanni (Avanti così, Verso la Bancarotta).

(Avanti così, Verso la Bancarotta)

Mi dispiace davvero per i tanti amici che hanno la maledizione di possedere in Italia un secondo immobile, (e anche sulla prima casa non si scherza). Ma il Panic Selling è già cominciato….

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’Autore, FunnyKing – che ringraziamo – e non
necessariamente rappresenta l’opinione di Zen-Trader.com. Siamo lieti di ospitare i contenuti dei
migliori Bloggers di Finanza ed Economia. A presto con nuovi, interessanti articoli!

Mi dispiace davvero per i tanti amici che hanno la maledizione di possedere in Italia un secondo immobile, (e anche sulla prima casa non si scherza). Ma il Panic Selling è già cominciato.

L’Istat ha appena fatto uscire i dati per il terzo trimestre 2013, non oso pensare come sia Oggi, 10 Gennaio 2014 il mercato REALE (non i prezzi ridicolmente alti sui cartelli delle agenzie).

Ci aspettano 9-12 mesi da incubo per i venditori, che spesso DEVONO svendere perché NON possono più affrontare le spese fiscali per mantenere un secondo immobile (magari con un inquilino moroso che la LEGGE italiana tutela sulle spalle dei titolari dell’immobile)

Si salvi chi può.

da Istat

Nel terzo trimestre 2013, sulla base delle stime preliminari, l’indice dei prezzi delle abitazioni (IPAB) acquistate dalle famiglie sia per fini abitativi sia per investimento registra una diminuzione dell’1,2% rispetto al trimestre precedente e del 5,3% nei confronti dello stesso periodo del 2012.

La flessione congiunturale registrata nel terzo trimestre è l’ottava consecutiva ed è di ampiezza doppia rispetto a quella rilevata nel secondo (-1,2% rispetto a -0,6%): questo andamento va ascritto in parte a fattori stagionali. La diminuzione dei prezzi su base annua e’ pari al 5,3%, (la settima consecutiva), valore più contenuto di quello registrato nel trimestre precedente (-5,9%).

Al calo congiunturale contribuiscono le diminuzioni dei prezzi sia delle abitazioni esistenti (-1,3%) sia di quelle nuove (-0,5%). Analogamente, la flessione su base annua è la sintesi della diminuzione dei prezzi sia delle
abitazioni esistenti (-6,8%) sia di quelle di nuova costruzione (-2,0%).

In un quadro di marcata diminuzione dei prezzi che tuttora perdura, la riduzione dell’ampiezza della flessione tendenziale si registra sia per i prezzi delle abitazioni esistenti (-6,8%, da -7,6% del secondo e -8,1% del primo trimestre) sia per i prezzi delle abitazioni nuove (-2,0%, da -2,2% del secondo trimestre).

In media, nei primi tre trimestri dell’anno in corso, i prezzi delle abitazioni diminuiscono del 5,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sintesi di un calo dell’1,8% dei prezzi delle abitazioni nuove e del 7,5% dei prezzi di quelle esistenti.

Articolo introduttivo : Monti

Secondo articolo introduttivo: Letta-Berlusconi-Monti

Terzo articolo introduttivo: Letta-Monti-Alfano